3 Cose Che Devi Sapere Se Vuoi Comunicare Efficacemente

comunicazione-efficace-dott.-Farrace-psicologia-Pescara-e-Isernia

Buona parte dei conflitti e delle difficoltà relazionali hanno origine da un difetto di intesa e comunicazione.

Intendiamoci: capire e farsi capire non è semplicissimo per chiunque, anche quando linguaggio/cultura e nazionalità non costituiscono alcuna forma di barriera o impedimento.

Che si tratti di occasionali colleghi di lavoro o di familiari uniti da una consolidata affettività, molte persone si ritrovano spesso nel bel mezzo di malintesi ed equivoci che a dispetto delle buone intenzioni tendono a trascendere in rotture e incomprensioni talvolta irreparabili.

Se desideri migliorare la qualità delle tue relazioni e nutrire degli scambi ad alto livello di empatia e efficacia, tieni sempre a mente i 3 aspetti che seguono e ricordati di farne la base di ogni tuo prossimo dialogo e confronto.

1. Ascolta

Sembra scontato, ma in realtà non è così.

Ritorna alle tue ultime conversazioni, e fai una media dei tempi in cui hai parlato tu rispetto a quelli in cui invece si è espresso il tuo interlocutore: che risultato ottieni?

Idealmente sarebbe opportuno registrare una percentuale del tipo fifty-fifty (cinquanta-cinquanta), ma il più delle volte invece capita altro, ovvero:

  1. subiamo la retorica del nostro antagonista, restando passivamente in silenzio per la maggior parte del tempo…
  2. imponiamo il nostro punto di vista, soffocando sul nascere ogni osservazione e obiezione ritenuta irrilevante…

La comunicazione è un atto di condivisione che nulla ha a che fare con i monologhi, e capisci bene quanto sia essenziale evitare (in un senso come nell’altro) alcun monopolio nella conversazione.

Pertanto, smetti di stare in silenzio e inizia a far emergere la tua voce: se tu per primo non ti rispetti e non ti riservi la dovuta considerazione, come pretendi di farti ascoltare?

Qualora invece ti riconoscessi tra coloro che parlano “troppo”, ricorda sempre la ragione per cui abbiamo due orecchie e una sola bocca: per ascoltare di più e parlare di meno.

2. Non giudicare

Il giudizio è l’anticamera del pregiudizio e delle incomprensioni e in alcun modo favorisce scambi autentici e profondi perché alimenta le barriere della paura e della collera.

Quante persone evitano di dire ciò che pensano proprio perché timorose del giudizio e dell’opinione altrui? Quanto spesso ci accontentiamo di mezze verità e parole di circostanza per  proteggerci da ciò che gli altri potrebbero dire e pensare di noi?

Immagina ora davanti a te una persona che con aria seria stia puntando il suo dito indice nella tua direzione: come ti sentiresti? Saresti forse a tuo agio?

Ne dubito; più probabilmente le andresti incontro con aria altrettanto seria e in tono di sfida, oppure ti allontaneresti offrendole di te solo le spalle.

In un caso come nell’altro, una cosa è sicura: mancherebbero totalmente le condizioni ideali per uno scambio sereno, aperto e fiducioso.

Del resto, com’è possibile offrirci autenticamente a qualcuno da cui sentiamo di doverci difendere e proteggere?

La tendenza a giudicare gli altri è la più grande barriera alla comunicazione e alla comprensione.

Carl Rogers

3. Impara

Chiunque ha qualcosa da offrirti e insegnarti; chiunque è più bravo di te almeno in una cosa e per quel l’unica cosa può esserti maestro.

Ogni volta che hai a che fare con persone per cui fatichi a nutrire della stima e forme sincere di apprezzamento (situazione più che normale anche da un punto di vista puramente istintivo e impersonale – dato che non possiamo essere in sintonia immediata con tutti), pensa esattamente a quanto ho scritto più sopra e ripeti nella tua mente la frase che segue:

“Ti ascolto perché so che hai qualcosa da offrirmi e so che anch’io ho qualcosa da offrire a te. Ti ascolto ed evito di giudicarti perché almeno in una cosa…in una sola cosa, hai qualcosa da insegnare a me io ho qualcosa da imparare attraverso te”.

Potrai non essere d’accordo con quello che ti viene detto, potrai aver opinioni assolutamente differenti e per certi versi opposte tuttavia ricorda: nessuno ha la verità in mano, e se sarai disposto ad accogliere ed esplorare significati e convinzioni differenti dalle tue sarai in grado di arrivare là dove mai hai osato vedere e sperimentare.

E tutto ciò che è fonte di cambiamento e trasformazione, è al tempo stesso germe di evoluzione e trasformazione.

È la differenza di opinioni quella che rende possibile le corse dei cavalli.

Mark Twain

Ora la parola a te 🙂

  1. Che stile di comunicazione ti appartiene?
  2. Quanto spesso incappi in equivoci e incomprensioni?
  3. Alla luce di quanto hai appena letto, cosa ritieni sia utile fare per migliorare la tua efficacia relazionale?

Dimmi la tua nei commenti più sotto, grazie ❤

Desideri ricevere la mia newsletter quindicinale? Compila il form di iscrizione che trovi qui.

Vuoi conoscermi meglio? Qui mi presento.

2 pensieri su “3 Cose Che Devi Sapere Se Vuoi Comunicare Efficacemente

  1. Bel post! Adoro il tema della comunicazione efficace e soprattutto quella che prende la direzione del public speaking perchè penso che troppo spesso le persone abbiano un sacco di cose interessanti da condividere ma mancano loro gli strumenti per farlo in modo coinvolgente.
    Ottimi consigli soprattutto il 3 punto che secondo me è profondamente legato al 1!
    Un saluto

    Andrea

Scrivi qui il tuo commento, grazie!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...