La matematica, l’amore e Brad Pitt

Sull’onda di un incremento di divorzi e separazioni, uno psicologo e due matematici dell’Università di Washington hanno condotto insieme una ricerca in materia di amore e coppie, con l’obiettivo singolare di riuscire a prevedere l’evoluzione futura delle relazioni amorose (in particolare, stabilire quanto una unione sia destinata o meno a durare). Dopo anni di studio ed esperimenti, i ricercatori sono giunti alla conclusione che l’amore numeri del cuore è misurabile…ovvero matematicamente misurabile attraverso un apposito modello elaborato e ritenuto applicabile ai rapporti di coppia.

Stando a questa indagine, per capire lo stato di salute di un rapporto affettivo è necessario esaminare le dinamiche che intercorrono tra le parti durante liti o discussioni su temi importanti e di valore (come per es. i figli, piuttosto che i soldi o il sesso); le risposte (verbali e non) attivate proprio in queste fasi di stress e tensioni, andrebbero poi riferite ad un punteggio variabile che assegnerebbe all’umorismo il punteggio più alto, mentre ad ira e disprezzo il punteggio più basso.

Secondo gli studiosi, “le coppie che hanno maggiore probabilità di durata sono quelle che riescono ad avere senso dell’umorismo anche quando sono in disaccordo” (Prof. John Gottman); peraltro, è degno di nota che questo metodo di previsione si sia dimostrato affidabile nel 90% dei casi esaminati durante la ricerca. 

Interessante l’applicazione di un modello matematico per dimostrare una delle variabili più importanti su cui fare leva in una relazione che voglia durare: al di là di tanti giri di pensiero e congetture, per dare futuro alla tua unione devi impegnarti nella comunicazione. Ed altrettanto interessante realizzare come una sola variabile (una solamente) sia sufficiente per innescare un cambiamento pervasivo all’interno di tutto un sistema di riferimento (il sistema coppia).

ballerini in bianco e neroComunicare, e soprattutto comunicare efficacemente, è spesso la chiave di volta attraverso cui definire e dirigere le sorti di molti rapporti (siano essi personali che professionali). Non a caso, hanno grande fortuna società che proprio in tema di comunicazione sono leader nel settore (vedi per es. il modello Insights Discovery).

Tornando ai risultati della ricerca statunitense di cui sopra, pare che tra le coppie di lungo raggio sia determinante la capacità di superare tensioni e difficoltà ricorrendo ad ironia e senso dell’umorismo (che in effetti richiamano affiatamento, complicità ed intesa tra le parti); per contro, è deleterio inveire l’uno sull’altra con un ulteriore carico di ira, disprezzo e acredine (in questo modo la distanza emotiva viene amplificata piuttosto che arginata).

Se siete seri, siete bloccati. L’umorismo è la via più rapida per invertire questo processo. Se potete ridere di una cosa, potete anche cambiarla. – Richard Bandler

E come è possibile portare umorismo nel tuo rapporto? com’è possibile stemperare difficoltà ridendo delle medesime?

Tanto per iniziare, adoperati col portare umorismo nella quotidianità della tua vita e del tuo stile di pensiero, e renditi abile nella moderazione dello stress e dei problemi di tutti i giorni proprio attraverso l’uso di una sapiente ironia personale. Per quanto mi riguarda, mi aiuta allo scopo il principio di Aristotele secondo il quale: “Se c’è una soluzione, perché di preoccupi? Se non c’è una soluzione, perché ti preoccupi?”…ovvero è perfettamente inutile preoccuparsi!

Tanto per proseguire, in tema di coppia comincia da te e sii tu per primo il cambiamento che desideri vedere negli altri (“Dobbiamo diventare il cambiamento che vogliamo vedere nel mondo” – Ghandi). Se hai almeno un figlio/a, avrai verificato in che modo il tuo umore ed il tuo comportamento siano in grado di condizionare anche il suo umore e comportamento; che siano figli, amici o amanti…gli altri ci fanno da specchio e restituiscono esattamente quello che noi inviamo loro. Non c’è modo migliore per ricevere interesse dal proprio partner che mostrarsi interessati nei suoi confronti; e non c’è modo migliore per ricevere disprezzo dal proprio partner che mostrarsi sprezzanti nei suoi confronti. In estrema sintesi, comincia da te facendoti portavoce in prima persona di ciò che desideri. Smetti di lamentarti e biasimare, ed adoperati in un’ottica propositiva e costruttiva coerentemente con ciò che desideri (in argomento, leggi anche >> questo articolo sul blog).

Proprio a quest’ultimo proposito, una testimonianza di non certa attribuzione all’attore Brad Pitt; scremando certi particolari “pittoreschi”, ti invito a leggere le righe che seguono perché è interessante il messaggio che ne emerge.

Mia moglie si è ammalata. Era sempre nervosa a causa dei problemi sul lavoro, con i bambini, nella vita personale e dei suoi fallimenti. imagesAveva perso 14 kg, arrivando a pesare circa 41 kg a 35 anni. Era davvero scheletrica e piangeva sempre. Non era una donna felice. Soffriva di continui mal di testa e fitte al cuore; il suo nervosismo le causava mal di schiena e fitte al costato. Non dormiva bene, si addormentava solo il mattino e si stancava molto velocemente durante il giorno. La nostra relazione stava per rompersi. La sua bellezza stava svanendo, aveva le borse sotto gli occhi, stava uscendo di testa e aveva smesso di prendersi cura di sé. Rifiutava di girare film e rigettava ogni ruolo. Avevo perso le speranze e pensavo che avremmo divorziato presto.
Ma poi decisi di agire. Dopo tutto, avevo la donna più bella sulla Terra. Lei è l’idolo di più di metà della popolazione maschile e femminile sulla faccia della Terra, ed ero l’unico cui era concesso addormentarsi al suo fianco e stringerla a sé. Iniziai a coccolarla con fiori, baci e complimenti. Le facevo sorprese e l’assecondavo in ogni momento. Le facevo un sacco di regali e vivevo solo per lei. Parlavo in pubblico solo di lei. Indirizzavo tutti gli argomenti su di lei. La lodavo davanti a lei e ai nostri amici. Non ci crederete, ma è rifiorita. Fu anche meglio rispetto a prima. Prese peso, non era più nervosa e mi amava anche più di prima. Non credevo potesse amarmi così tanto. E allora ho realizzato una cosa: la donna è il riflesso del suo uomo. Se la ami fino quasi ad impazzire, lei impazzirà per te. – Brad Pitt

Ti è piaciuto il post? allora non mancare di condividerlo con le icone di sharing che trovi qui sotto! E ovviamente, sono ben felice di leggere il tuo commento…grazie.

Desideri ricevere la mia newsletter quindicinale? Compila il form di iscrizione che trovi qui.

Vuoi conoscermi meglio? Qui mi presento.

6 pensieri su “La matematica, l’amore e Brad Pitt

    • Diciamo che, in termini di comportamento, è importante essere coerenti con i propri obiettivi; quindi se desideri coltivare amore, niente di meglio che adottare per primi gesti/pensieri/azioni amorevoli.

      Ovviamente si ha a che fare con persone, comportamenti…e non ci sono regole matematiche dall’esito certo; è una questione di probabilità piuttosto che di certezze inopinabili. Inoltre, a maggior ragione nel caso di obiettivi che non sono pienamente sotto il proprio controllo, è importante tenere a mente anche quanto ho scritto qui: https://dariablog.me/2013/09/02/resistere-sempre-e-comunque-e-chi-lha-detto/

      Un abbraccio!

Scrivi qui il tuo commento, grazie!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...